Banner from Sonia alias shana0780

Prezzo: Euro 0.99

Distribuito da: inMondadori, Smashwords, Amazon, Apple, Sony, Barnes & Noble, Kobo.


A volte non tutti i mali vengono per nuocere; inattese epifanie possono riscattarci da una vita inetta.

Questa è la storia di una giornata decisiva nella vita di Armando Zanetti, bizzarro musicista in un'orchestra sinfonica di provincia. Condizionato da un morboso rapporto di dipendenza con la madre, il povero cornista affetto da aracnofobia è l'incarnazione del fallimento.
 Sarà proprio in questa disastrosa giornata che egli commetterà tutta una serie d'imprudenze che lo lascerà segnato, coronata dal gesto estremo di ribellione che tenterà dietro le quinte del teatro per riscattarsi da una vita inetta. Ma anche un giorno infausto a volte può riservare qualche sorpresa...

(...) Si accingeva a radersi davanti allo specchio. S’insaponò la faccia usando un vecchio pennello un po’ spelacchiato. Prese il rasoio, uno di quelli economici e antiquati, v’inserì la lametta e l’avvitò. Rimase fulminato, col rasoio posato sulla guancia insaponata, a guardare la macchia scura che strisciava sulle piastrelle del muro alle sue spalle. Il ragno stava scendendo lentamente verso la vasca da bagno.
Armando ruotò come sopra un disco e l’osservò. Diede un’occhiata fulminea alla finestrella; era rimasta aperta da quando Imogène se n’era andata, e il ragno ne aveva approfittato per entrare.
Con la mano che gli restava libera abbrancò meccanicamente il bicchiere posato sulla mensola. Intanto, il ragno era sceso nella vasca e stava camminando nel fondo sicuro del fatto suo.
Nella memoria di Armando si accesero due belle ginocchia femminili che il vestito a fiori, salendo, aveva scoperto. Un filo di lana conduceva verso il grembo della donna. Un gomito, poi un braccio nudo che si muoveva ritmicamente. Le belle mani affusolate sferruzzavano. Stavano facendo un gilet per un bambino.
Col bicchiere in una mano, nell’altra il rasoio, e la faccia ancora mezza insaponata, Armando si avvicinò alla vasca e incominciò a dare la caccia al ragno. Cercò più volte d’intrappolarlo sotto il bicchiere capovolto, ma la bestiolina era troppo rapida e scappava da tutte le parti. S’infilò nel buco dello scarico e così Armando vi posò sopra il bicchiere. Chino sulla vasca si sentiva poco convinto della vittoria riportata. Anche se adesso c’era un bicchiere a testa in giù sopra il buco dello scarico, il ragno era ancora là, e lui lo sapeva…
Corse in cucina e si mise a stracciare dei vecchi fogli di giornale. Ne appallottolò un piccolo lembo, si chinò di fronte alla porta del bagno che aveva richiuso e l’infilò nel buco della serratura per otturarlo.
Accartocciò poi altri fogli e li sistemò sotto la porta sgangherata. Da una parte dovette metterne di più per chiudere bene la fessura irregolare fra porta e pavimento.
Contemplò il proprio operato.
Si toccò la faccia:
«Maledizione, il rasoio!»
Lo aveva lasciato posato in bilico sul bordo della vasca da bagno, ma entrare là dentro, adesso, era impensabile. E forse era meglio così, perché altrimenti avrebbe potuto vedere il ragno risalito dal buco dello scarico, mentre cercava disperatamente di scappare agitando le zampette contro il vetro.
Al lavandino della cucina, dove giacevano impilate le due scodelle insieme ai piatti della colazione, Armando si sciacquò la faccia rasata solo per metà. (...)

Maggiori informazioni nelle Cronache del Moscardino